19 Ago 2011

una breve osservazione: e le persone?

Scritto da maria luisa caputo

Tutto questo can can sull’abolizione delle province e dei Comuni non da…l’ossigeno che serve in immediato: e tutti gli impiegati li buttiamo per strada? A questo qualcuno ha pensato? Sono gli sprechi che a volte ‘fregano’ province e comuni. Ad ogni buon conto…si potrebbe trovare subito il gettito per la manovra e DAVVERO SUBITO CON LA PATRIMONIALE! Slam: dalla sera alla mattina recupero! Altro che riduzione di parlamentari , province e comuni che sono eventi al di la da venire….Ci vogliono mesi, anni e qua l’oro…verde o rosa serve subito!…NESSUN DORMA….

e un Comune così lo depenniamo? E chi lo mantiene?

Sottoscrivi Commenti

2 Commenti to “una breve osservazione: e le persone?”

  1. Lei ha ragione da vendere circa la patrimoniale però il riordino della macchina politico/amministrativa è orami ineludibile;
    Sia per i costi eccessivi che di anno in anno seguitano a crescere a fronte di un servio sempre più scadente reso che a fronte della mera e proprio funzionalità nell’intervenire che l’attuale società richiede vista la farragginostità attuale.
    Quindi daccordo con Lei nel voler prendere moneta subito dove c’è ed è giusto prendere ma, al contempo, avviare subitissimamente il percorso riformatore dell’architettura dello stato altrimenti andremo di patrimoniale in patrimoniale senza rimovere le cause del bebito…..

     

    Adalgiso

  2. Vanno salvati dicono loro,i sindaci e assessori, perché ci aiutano a campare meglio ??
    Sarà anche vero ma la maggioranza dei cittadini non se n’è accorta; Di sicuro c’è che le tasse nazionali dal 1995 ad oggi sono aumentate del 6,8 % mentre quelle locali – tasse+ tributi-, nello stesso periodo sono schizzate in alto del 138 %.

     

    Adalgiso