18 Ago 2015

Profumo di mare…

Scritto da maria luisa caputo

Mare de Roma

 

Dicheno che Roma non stà sur Mare!

All’incontrario quanno che

me stò beata sul terazzino de casa mia

ce sento proprio l’aria de sale

de pini marini e de eucalipti.

Me capita a volte de pensà

che se potessi guardà oltre alle case

ce troverei la striscia azzurra

cò l’ondine d’argento puro.

Tanto che è forte stà sensazione

che te viè proprio la voja dannà

pè passacce nà giornata

anche se sai che poi te stà a dannà

tra traffico parcheggio e sol leone.

 

So tanti li stabilimenti in riva al mare,

belli, moderni, cò le palmette vere,

un bel ristorantino, er barettino a riva

e nun manca mai er fustaccio der bagnino.

Belli stì lidi, ammazza ch’eleganza!

Ma se devo dì tutta la verità

a me piace piantà l’ombrellone

proprio là vicino alla battigia

che quasi er mare viè a trovamme

come n’ospite gradito

mentre me stò a gustà

nà  fresca pesca

 

Diciamocelo pure

che qualche cafoncello

t’allegra le giornate

Co tavolini a vista

la pasta ar forno

li peperoni e la cicoria ripassata

E tra nà ripassata ar ragazzino

che tira pallonate e sabbia

e quattro urli a non t’allontanà

che te corco de mazzate

t’ha colorato a mattinata

Ma abbuffate e urla

non coprono l’arruffasse del mare

che all’ora della pennichella

decide sempre de ballà la rumba

e te bagna pure er palo de l’ombrellone

e se porta via la ciavatte…

 

E quanno er sole sudato e affaticato

decide de fasse un bagno pure lui

l’onde addiventano d’oro

e li gabbiani se rincorrono

e appresso a l’ali aperte

coro pure io cò l’occhi

ricchi di tutta stà bellezza e st’umanità.

 

©maria luisa caputo

roma 18 agosto 2015 h 10:15…prima di recarmi in piscina…surrogato indegno dell’amato mare!

 

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi